Sentinelle di bronzo. Il miglior film coloniale sui Dubat

“Sentinelle di bronzo” è sicuramente il miglior film a carattere coloniale, realizzato nel Ventennio, con protagonisti i Dubat, i leggendari guerrieri somali.
sentinelle-di-bronzo_cinemaFu uno dei 33 film prodotti in Italia nel 1937 e, presentato all’Esposizione Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, vinse la Coppa del Ministero dell’Africa Orientale per il “miglior film di soggetto coloniale”, anno dell’inaugurazione del nuovo Palazzo del Cinema, opera di Luigi Quagliata.
Girato tutto in esterni in Somalia, nei distretti dell’Alto Scebeli e di Dagabur, dal regista Romolo Marcellini, che l’anno prima aveva preso parte alla Guerra d’Etiopia.
Fu sceneggiato da Gian Gaspare Napolitano dal racconto coloniale “Marrabo” di Marcello Orano e Sandro Sandri, autore tra l’altro di “Sei mesi di guerra sul fronte somalo” che narrava il fronte sud, da Mogadiscio a Neghelli, della guerra abissina al seguito dei Dubat.
doris-duranti-sentinelle-di-bronzoCon la collaborazione delle cabile degli Averghidir, Abgal, Auadlè, Macannè che parteciparono attivamente alle riprese fu interpretato dagli attori Fosco GiachettiGiovanni Grasso Jr e Doris Duranti. Proprio grazie a questo film, la ventenne Duranti, nel ruolo della protagonista femminile Dahabo, truccata da somala, venne consacrata come la diva indiscussa e più pagata del cinema italiano del Ventennio. Fu poi compagna di Alessandro Pavolini.
Girato in inglese con il titolo di “Dusky Sentries” narra, attraverso una storia fittizia, l’incidente di Ual Ual, al confine italo-etiopico, avvenuto il 5 dicembre 1934 e che vide protagonisti – ed eroi – il capitano Roberto Cimmaruta e i Dubat somali, le bande di confine istituite dal Governatore Cesare M. de Vecchi di Val Cismon per proteggere i confini della Somalia dalle razzie abissine. Incidente narrato poi dal Cimmaruta nel libro “Ual Ual” e spesso descritto come il casus belli che portò alla Guerra d’Etiopia.
sentinelle-di-bronzo_schieramento-dubatFilm realizzato con grande realismo e attenzione alla cultura somala tanto che lo stesso Marcellini lo definì, alcuni decenni dopo, come «il primo film neorealista italiano», e spiega di aver voluto realizzare un film «contro lo schiavismo che era purtroppo ancora praticato in Etiopia».
La schiavitù in Etiopia infatti verrà poi bandita dal Generale De Bono il 14 ottobre 1935 in seguito all’avanzata vittoriosa in Etiopia durante la Guerra d’Abissinia iniziata il 3 ottobre 1935 e conclusa il 5 maggio 1936.
sentinelle-di-bronzo_dubat-mitragliatrice“La trama di questo film – Giacomo Debenedetti su “Cinema” il 25 dicembre 1937 – è suppergiù quel tanto di trama che potrebbe esserci in un reportage giornalistico, dove la nota di taccuino, l’osservazione dal vero, l’incisiva e fedele trascrizione di un dato o di un fatto si organizzano in un discorso che, mettendo ordine e successione in quella materia, la faccia svolgere come sul filo di un racconto. (…) La bravura di Marcellini è stata quella di tradurre in cinematografo “lo stile di Napolitano” Il nuovo tipo di inviato speciale è quello d’uno (..) che si tuffa nella vita del luogo come uomo e non come semplice osservatore, come parte in causa e non come turista. I risultati che ne riporta non hanno più bisogno di essere sofisticati o romanzati, perché già di per sé sono romanzo: d’un uomo vivo tra gente viva.”
sentinelle-di-bronzo_scena-di-nudoQuello che maggiormente interessava a Marcellini era, non è tanto raccontare una semplice storia, ma calarla nella realtà quotidiana della Somalia italiana, per mostrare i suoi paesaggi, far conoscere i suoi abitanti, i suoi usi e costumi, anche con delle maliziose scene di somale nude durante il bagno nel fiume.
Da “africanista” apprezzava la cultura somala e aveva la volontà di far nascere un cinema somalo e, infine, nonostante la presenza degli attori professionisti italiani, affermò: «Gli attori più straordinari erano quelli che avevo preso nella boscaglia somala e che avevo apprezzato proprio perché avevano una cultura, avevano una capacità, avevano un’ingenuità e insieme una sapienza che spesso cerchiamo e troviamo solamente nei grandi attori».
sentinelle-di-bronzo_finale-carri-velociIn una recensione apparsa su «Bianco e Nero» sempre nel 1937 si sottolineava come «Il film traduce in impeto lirico, ma senza deformazione intesa ad effetti falsamente spettacolari, lo stato d’animo dei nostri coloni alle soglie della guerra etiopica. […] Non siamo, qui, nel campo documentario sebbene tutto il film abbia una precisione ed un rilievo realistico determinato dallo sfondo veramente documentario. […] Siamo in una forma di mitizzazione del reale».
 .
di © Alberto Alpozzi  – Tutti i diritti riservati
.
 locnadina_sentinelle-di-bronzo
Annunci

3 thoughts on “Sentinelle di bronzo. Il miglior film coloniale sui Dubat

  1. Pingback: Chi causò davvero la guerra d’Etiopia del 1935? | L'ITALIA COLONIALE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...