L'ITALIA COLONIALE

Vicende e storie dimenticate dell'Impero coloniale italiano a cavallo di due secoli di storia d'oltremare

L’inaugurazione della Cattedrale di Mogadiscio, evento politico e religioso

Il 29 febbraio 1928 Umberto di Savoia sbarcava a Mogadiscio,  in visita ufficiale. La Stampa il 22 febbraio così anticipava il Viaggio nella Somalia italiana del Principe ereditario:

umberto_di_savoia_cattedrale_mogadiscio_1928 (3)“L’avvenimento maggiore e culminante della presenza del Principe Umberto di Savoia, sarà la consacrazione della monumentale chiesa cattolica di Mogadiscio. E’ questa, com’è noto, una delle più formidabili opere del Regime e forse il più chiaro e duraturo esempio della sua politica religiosa. In Somalia il conte De Vecchi di Val Cismon ha voluto che accanto al regno dello scudo sabaudo e del littorio, fosse instaurato il regno della croce. La cattedrale di Mogadiscio, secondo il vasto e saggio disegno del governatore, è e sarà il centro e la base della potente organizzazione, che, con le missioni, le scuole, gli asili, il brefotrofio per i meticci e l’orfanotrofio tende, attraverso la beneficenza e l’istruzione, alla conquista spirituale dei somali, con risultati che in soli due anni hanno superato le più ottimistiche previsioni. Perciò il fatto che all’inaugurazione del tempio partecipi il Principe ereditario e l’alto personale dello Stato e della Chiesa, è di un’importanza politica e morale già ben evidente a noi ed agli stranieri, ma che potranno meglio valutare le generazioni future”.

Il 1° marzo 1928 venne inaugurata la Cattedrale di Mogadiscio (oggi distrutta dalla guerra civile), opera dell’ing. Vandone, così su La Stampa del 3 marzo:

“La vettura del Principe Ereditario era preceduta e seguita da guardie a cavallo del Governatore mentre guardie a piedi erano allineate in servizio d’onore lungo la scalea che conduce al tempio cristiano. Lungo tutto il percorso una immensa folla ha salutato il passaggio dell augusto Principe con vibranti acclamazioni e manifestazioni di entusiasmo si è rinnovata sempre più intensa all’arrivo dinanzi alla basilica. L’arrivo del Principe è stato accolto al suono della fanfara reale mentre il campanone suonava a stormo e la folla prorompeva in deliranti ovazioni. […]

umberto_di_savoia_cattedrale_mogadiscio_1928 (1)Umberto di Savoia ha preso posto insieme al Duca degli Abruzzi sotto un ricco baldacchino, sorretto da quattro patrizi piemontesi in marsina, il conte. Ing. Vandone, architetto progettista del tempio; il nobile Stanislao Cantano dei marchesi Ceva, il conte Giorgio De Vecchi di Val Cismon ed il nobile Roberto Asinari di San Mariano. Su due altissimi pennoni sono issati il tricolore donato dal Duca di Genova ed il gonfalone donato dalla Città di Torino. […]

umberto_di_savoia_cattedrale_mogadiscio_1928 (4)Il Principe Umberto è stato poi processionalmente accompagnato all’abside dove con il Duca degli Abruzzi si è posto a sinistra dell’altare in cornu Evangeli; S. E. Bolzon, la contessa De Vecchi di Val Cismon ed il governatore conte De Vecchi, hanno preso posto a destra della navata centrale con le autorità ed il seguito. Il tempio era affollato da funzionari, ufficiali, camicie nere, con gagliardetti, e da tutta la colonia metropolitana, tra cui numerose signore. Nelle navate laterali assistevano alla splendida cerimonia le notabilità indigene, che hanno seguito con ammirazione la magnificenza e l’elevatezza del rito cattolico. Nel fondo era schierata una compagnia di marinai e di avieri, in servizio d’onore.

umberto_di_savoia_cattedrale_mogadiscio_1928 (2)La Messa pontificale è stata celebrata dall’arcivescovo, mons. Pisani, assistito dai vescovi mons. Perlo e mons. Mazzini, e da numeroso clero. Tutti i celebranti indossavano paramenti sacri, con al centro lo stemma sabaudo, dono del Governatore. E’ stata cantata musica del maestro Porosi, con accompagnamento di orchestra ed organo. Al Vangelo, mons. Pisani ha pronunciato un discorso, nel quale, dopo essersi riferito al Vangelo della prossima domenica, ha ricordato come l’Italia sia sempre stata una eccelsa costruttrice di chiese, capolavori d’arte, da quelle antichissime fino a questa bella e benedetta cattedrale di Mogadiscio.”

Terminata la cerimonia il Principe ha lasciato la chiesa, dopo essersi congratulato con l’ing. Vandone ed essere stato ossequiato dai vescovi, per poi recarsi con il cugino Duca degli Abruzzi ed insieme alle autorità, ad inaugurare il monumento ai Caduti, eretto sul lungo mare Vittorio Bottego, opera dello scultore torinese Cesare Biscarra.

Le foto dell’inaugurazione della Cattedrale di Mogadiscio sono di Carlo Pedrini, del Regio Laboratorio Foto Cinematografico di Mogadiscio.

di Alberto Alpozzi – © Tutti i diritti riservati

ARTICOLI CORRELATI

Viaggio nella Somalia italiana, un libro sulla storia coloniale dai contenuti inediti

Il Principe Umberto di Savoia visita la Somalia ma la “storia” se n’è dimenticata

La Cattedrale di Mogadiscio, il più grande tempio cristiano dell’Africa Orientale

Biscarra e il Monumento ai Caduti della Somalia

Advertisements

8 commenti su “L’inaugurazione della Cattedrale di Mogadiscio, evento politico e religioso

  1. Pingback: La Cattedrale di Mogadiscio, il più grande tempio cristiano dell’Africa Orientale | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  2. Pingback: 1928 – Il Principe Umberto di Savoia visita la Somalia ma la “storia” se n’è dimenticata | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  3. Ugo Loche
    19 giugno 2015

    La storia è storia…sono i Papi come Francesco che si fanno pestare i piedi e dimenticano l’italianità in nome di una politica americanizzante….forse più che la cattedrale di Mogadiscio..è contata più la POA…americana..

    Mi piace

  4. Pingback: Viaggio nella Somalia italiana, un libro sulla storia coloniale dai contenuti inediti | L'ITALIA COLONIALE

  5. Pingback: Inaugurazione della Cattedrale di Mogadiscio. Torino Presente! | Viaggio nella Somalia Italiana

  6. Pingback: A Mogadiscio il battesimo dei bimbi meticci davati al Principe di Piemonte | Viaggio nella Somalia Italiana

  7. Pingback: Come era la Mogadiscio del 1928 capitale della Somalia italiana? | Faro Francesco Crispi - Cape Guardafui, Somalia A.O.I.

  8. Pingback: Fascismo e Islam nella Somalia coloniale | L'ITALIA COLONIALE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: