Mussolini e la spada di Protettore dell’islam. Quando il fascismo era amico dei musulmani – VIDEO

spada_islam_3gIl 12 marzo 1937 il Duce d’Italia, Benito Mussolini, all’apice del suo consenso, sbarca dall’incrociatore Pola in Libia a Tobruk. Accolto da Italo Balbo, Governatore dal 1º gennaio 1934, percorse la nuova via Balbia che congiungeva la Tripolitania con la Cirenaica, regioni fino ad allora sprovviste di proprie reti stradali
La visita di Mussolini durò fino al 21 marzo. Visitò città, villaggi e concessioni agricole, passò in rivista formazioni militari, metropolitane e indigene. Sostò nelle Case del Fascio, nelle scuole, si era interessò delle condizioni di vita dei coloni e delle aspirazioni dei locali
Al nuovo villaggio Luigi Razza, nelle vicinanze di Cirene, venne accolto da 627 emigrati abruzzesi e calabresi, ottanta famiglie in tutto. Proseguendo lungo la litoranea, inaugurò l’Arco dei Fileni, dedicato ai due fratelli cartaginesi, i Fileni appunto, che parteciparono ad una corsa contro gli avversari della città di Cirene, secondo la leggenda raccontata da Sallustio nel Bellum Iugurthinum.
Passò la notte in tenda. All’alba, alle 5.30 alzabandiera, poi in auto all’aerodromo «Arae Philaenorum», da dove fece rotta su Sirte. Seguirono Tauorga, Misurata, Tripoli. Alle mura della città fece il suo ingresso a cavallo alla testa di 2.600 cavalieri.
olycom - pavanel -Il giorno dopo inaugurò la Fiera di Tripoli: «Nel 1926 io venni qui per dare quello che fu chiamato, e come tale rimase nelle cronache, uno scossone alla Colonia. I risultati sono visibili agli occhi di chiunque. Corona, questa opera di trasformazione, la Litoranea libica, impresa gigantesca, che soltanto ingegneri italiani e operai italiani potevano portare a compimento in termine di tempo rapidissimo».
Il 18 marzo giungeva a cavallo all’oasi di Bùgara, dove lo attendevano 2.000 cavalieri arabi che lo accolsero al triplice grido di guerra «Uled!». Qui Mussolini ricevette la Spada dell’Islam, in qualità di Protettore dell’Islam, حامي الإسلام‎ Hāmī al-Islām, dalle mani del capo berbero Jusuf Kerbisch accompagnato da Kalifa Ez-Zaui, grandi sostenitori dell’alleanza con gli italiani.
Porgendogli la spada d’oro gli rivolse queste parole: «Vibrano accanto ai nostri animi in questo momento quelli dei musulmani di tutte le sponde del Mediterraneo che, pieni di ammirazione e di speranza, vedono in te il grande uomo di Stato, che guida con mano ferma il nostro destino».
Mussolini rispose rivolgendosi all’Islam: «Le popolazioni musulmane sanno che, col tricolore italiano, avranno pace e benessere e che le loro usanze e, soprattutto, le loro religiose credenze saranno scrupolosamente rispettate».
.
.
Tripoli_monumento-equestre_Mussolini
Rientrato a Tripoli, sempre seguito da Italo Balbo, in piazza Castello tenne il suo discorso: «Musulmani di Tripoli e della Libia! Giovani Arabi del Littorio! Il mio Augusto e Potente Sovrano, Sua Maestà Vittorio Emanuele III, Re d’Italia e Imperatore d’Etiopia, mi ha mandato, dopo undici anni, ancora una volta su questa terra dove sventola il tricolore per conoscere le vostre necessità e venire incontro ai vostri legittimi desideri […] Voi mi avete offerto il più gradito dei doni: questa spada, simbolo della forza e della giustizia, spada che porterò e conserverò a Roma fra i ricordi più cari della mia vita […] L’Italia fascista intende assicurare alle popolazioni musulmane della Libia e dell’Etiopia la pace, la giustizia, il benessere, il rispetto alle leggi del Profeta e vuole inoltre dimostrare la sua simpatia all’Islam e ai Musulmani del mondo intero».
L’anno successivo venne inaugurato in quella piazza in onore di Mussolini un monumento equestre, opera dello scultore Quirino Ruggeri, sul cui basamento venne incisa la scritta: «A Benito Mussolini pacificatore delle genti redentore della terra di Libia le popolazioni memori e fiere dove fiammeggiò la spada dell’Islam consacrano nel segno del Littorio una fedeltà che sfida il destino».
Nel 1939, il Governatore Balbo fece ottenere la cittadinanza speciale italiana a tutti i libici islamici della costa.
La Spada dell’Islam, finemente cesellata era stata prodotta dalla ditta Picchiani e Barlacchi di Firenze. Oggi andata perduta, dichiarò Rachele Mussolini, la moglie del Duce «Era conservata in una teca di vetro alla Rocca delle Caminate. Fu rubata nel 1943, quando la Rocca venne devastata dagli antifascisti… Ci portarono via tutto, perfino la culla di Romano».
.
di Alberto Alpozzi – © Tutti i diritti riservati
.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...